Posts contrassegnato dai tag ‘morte’

…ma il Colosseo…

Pubblicato: aprile 21, 2011 in Uncategorized
Tag:, , ,

Ancora Colosseo: magnifico anfiteatro dalla forma ellittica per contenere il maggior numero di spettatori possibili, dalle gradinate con una pendenza di 37° per consentire una buona visuale da ogni punto, imponente monumento nel cuore di Roma. Nessun monumento, nessun posto, nessun luogo assomiglia al Colosseo. I turisti lo ammirano a bocca aperta, emana una forza vitale che lascia tutti senza fiato.

Nell’Antica Roma, quando si entrava nel Colosseo per assistere a qualche spettacolo, non ci si poteva sedere ovunque: l’anello inferiore (quello più vicino all’arena) era riservato ai senatori, sacerdoti, magistrali…le persone più importanti.  Salendo si trovano le gradinate riservate agli artigiani, maestri, commercianti. E, nella parte più alta, c’è il popolo.  Insomma, più si scende e più si eleva lo status sociale.

A cosa serviva il Colosseo? Per puri spettacoli di morte. Quando entrava il gladiatore, il pubblico esaltava, applaudiva, andava in delirio. Aveva la stessa fama dei giocatori di calcio dei giorni nostri, apprezzatissimo dal pubblico femminile.

Ogni gladiatore ha una storia diversa alle sue spalle. Potevano essere schiavi venduti per punizione, o prigionieri di guerra condannati a morte, o legionari che hanno intrapreso questa carriera come mestiere. Purtroppo ci sono anche uomini che, indebitati fino al collo, non hanno avuto altra scelta. Esistevano moltissime scuole per gladiatori, allenati per combattere, per far esaltare il pubblico, per dare spettacolo di morte. Questi “guerrieri” (oltre che combattere fra loro), dovevano combattere contro degli animali, i quali venivano stuzzicati con dei bastoni appuntiti per farli innervosire e per fargli sfogare la loro rabbia contro i gladiatori.

Uno spettacolo macabro, ingiusto, triste per un Impero così grande e potente come quello Romano…

Annunci